Gole del Sagittario -Oasi WWF -Castrovalva

pubblicato in: Montagna | 0

Gole del Sagittario Riserva Naturale Regionale Oasi WWF dal 1997 cornice spettacolare di piccoli borghi gioiello.

 




 

L’Abruzzo è una regione particolarmente ricca di posti incantevoli e la Valle del fiume Sagittario è uno di questi.

Le Gole del Sagittario si estendono dalla diga di San Domenico a Villalago fino a Cocullo partendo dai 500 mt di altitudine di Anversa per arrivare alle vette del Monte Godi a 1500 mt. Per millenni il fiume ha scavato un canyon a V incidendo le rocce composte da sedimenti marini di corallo, dovute alla presenza del mare prima del sollevamento degli appennini, ne è testimonianza il fossile di conchiglia ritorvato sul Pizzo Marcello.

L’acqua color smeraldo che lambisce i boschi e le rocce bianche crea uno scenario molto suggestivo. Ancora più suggestiva è la strada che percorre il fianco della montagna. Innumerevoli volte mi sono trovata a percorrerla e posso assicurare che ogni volta l’emozione ti stringe il cuore: passare tra due montagne così imponenti e così vicine, ricoperte da boschi ti fa sentire piccolo piccolo.

Nell’area Oasi WWF sono presenti tantissime specie di flora e fauna.


La Valle del Sagittario è l’habitat naturale del lupo, dell’orso marsicano, del cervo, del capriolo e della marmotta gigante. Tra le rupi fanno il nido le aquile reali, il falco pellegrino, il gracchio corallino.

Per la flora la rarità è il Fiordaliso del Sagittario che cresce solo in questa zona tra le faggete e i boschi di aceri.

All’interno della riserva oltre all’area picnic ci sono dei sentieri bike friendly e per chi ama il trekking che portano al Giardino Botanico, al museo e ai borghi vicini.

Attraverso il Sentiero Geologico dalle sorgenti Cavuto dove si puo visitare il Giardino botanico del WWF si arriva al pittoresco borgo di Castrovalva.

Castrovalva è una frazione di Anversa degli Abruzzi. E’ incastonato su uno sperone roccioso della Cresta Sant’Angelo a 820mt. di altitudine. Il borgo fortificato fu costruito prima dell’anno mille. Si raggiunge attraverso una strada stretta che finisce all’ingresso del paese.

Da qui si prosegue a piedi fino alla Piazza Risorgimento dove c’è la chiesa di Santa Maria di Nives.
Tra le vecchie case e i vicoletti si scorge l’Arco medievale vecchio ingresso al paese e la chiesetta della Madonna delle Grazie.
Da Castrovalva si imbocca il Sentiero degli aceri che porta alla Chiesetta di San Michele patrono del borgo.


Intorno vicinissima Anversa degli Abruzzi è collegata all’uscita dell’autostrada a Cocullo. Da qui si raggiungono bellissime località di villeggiatura molto rinomate quali: Scanno con il lago cuore d’Abruzzo, Villalago, Villetta Barrea, Sulmona patria dei confetti e, insieme a Navelli, dello zafferano.

INFO

L’oasi è aperta tutto l’anno. A luglio e agosto visite guidate tutti i giorni. Gruppi e scolaresche tutti i giorni, tutto l’anno su prenotazione.

Ingresso Oasi:
Strada Comunale Fiume Sagittario, Loc. Sorgenti di Cavuto
67030 Anversa degli Abruzzi (Aq)

Telefono: 0864/49587, cell. 347/4643834, fax 0864/490930
e- mail golesagittario@wwf.it

DISCLAIMER Contenuti & Immagini

Video di Antonio Spadano




 

 

 

Conosci il posto? Raccontaci la tua esperienza.