Rocca Calascio

Rocca Calascio-National Geographic- LadyHawke

pubblicato in: Borghi antichi, Castelli | 1




Rocca Calascio per il National Geographic tra i 15 castelli da favola al mondo, con il suo borgo medioevale è stato una delle location del film LadyHawke con Rutger Hauer, Michelle Pfeiffer e Matthew Broderick.

In realtà Rocca Calascio è stata il set anche de “Il nome della rosa” con Sean Connery, F. Murray Abraham, “Set di Il viaggio della sposa” con Sergio Rubini e Giovanna Mezzogiorno, “The American” diretto da Anton Corbijn con George Clooney, Violante Placido, Thekla Reuten e tante serie tv.

Rocca Calascio
LADYHAWKE, Michelle Pfeiffer, 1985, castle

Il castello è situato a circa 1460 metri di altitudine,il più elevato d’Italia e tra i più alti d’Europa ed è il più antico centro popolato dall’uomo in Abruzzo, si stima costruito intorno all’anno 1000 d.C se ne ha la prima testimonianza scritta nel 1380 d.C.

Faceva parte delle Terre della Baronia, legato agli Acclozamora, alla famiglia Piccolomini poi, e infine a quella dei Medici.

 

A Rocca Calascio ci sono stata spesso ed ogni volta le mie emozioni sono state uniche. Sembra di tornare indietro nel tempo.
La Rocca si fonde con il territorio, sembra prendere vita da una delle rocce e farne parte su una cresta di roccia calcarea bianca che domina una valle immensa. Il Gran Sasso è vicinissimo, il panorama è mozzafiato, veramente uno spettacolo.

I tramonti ,le nuvole qui tutto ha magia, la chiesetta la sua porta le sue pietre ogni piccolo particolare ti racconta qualcosa.
Ti senti al centro di tutto, un luogo sconfinato dove tutto parla di libertà, incanto e magia, un battere di ali sulla torre e il ricordo vola alla suggestione di quel film, un lupo, un falco, la storia di due vite..sempre insieme, eternamente divisi. Finché il sole sorgerà e tramonterà. Finché ci saranno il giorno e la notte.

ph.Marco Polini

Nasce come punto d’ osservazione militare, con il suo maschio quadrato centrale e le quattro torri cilindriche, affacciandosi sulla
Piana di Navelli e la valle del fiume Tirino. La costruzione è collegata al vecchio borgo medioevale tramite un ponte di legno che all’epoca era retrattile, oggi poggiato su una base di pietra.

ph.Marco Polini

Alla rocca si accedeva da ingresso posto sul lato est, a cinque metri di altezza, raggiungibile con una scala di legno che veniva poggiata su due mensole in pietra, tuttora visibili al di sotto della soglia. Comunicava con i castelli e le rocche situate fino alla costa adriatica, grazie all’ausilio di torce accese durante la notte o di specchi durante le ore diurne.

ph.Nicola Petaccia

Salendo verso il castello, sulla strada per Santo Stefano di Sessanio, incontriamo la chiesetta di Santa Maria della Pietà ricorda nella forma il Battistero di San Giovanni a Firenze perchè fu costruita sui resti di un Edicola Rinascimentale, nel periodo in cui la baronia era di proprietà della famiglia Medici. Essa ha una forma ottagonale, con cupola a spicchi e uno spazio rettangolare che ospita la Sagrestia poggiato su una facciata.

ph. Emilio Pulsone

Rocca Calascio come molti centri abruzzesi, nel 1703 fu colpito da un fortissimo sisma, che ne rese purtroppo inabitabile una buona parte, pertanto gli abitanti furono costretti a spostarsi più a valle per avere condizioni di vita migliori, creando il nuovo abitato.
La vecchia Calascio, la rocca e la chiesetta sono stati messi in sicurezza in gran parte, proprio per facilitare i vari set cinematografici, e alcuni degli edifici completamente restaurati, sono diventati strutture ricettive dove chi ha voglia di trascorrere un piacevole weekend può soggiornare.

 

EVENTI & TRADIZIONI

San Nicola, 9 maggio
Sagra del pecorino, prima o seconda domenica di agosto
S. Maria delle Grazie
S. Antonio Abate
La Rocca e la Chiesa Bramantesca (Rocca Calascio)
Il castello di Rocca Calascio è pienamente visitabile gratuitamente.
Sono pochi i punti dove ci si può fermare, il pernottamento è su prenotazione.

Immagine di copertina di DI EMILIO PULSONE

 




 

 

Conosci il posto? Raccontaci la tua esperienza.