reggia di venaria

Reggia di Venaria – Unesco – Eventi e orari

pubblicato in: Castelli | 0

Reggia di Venaria iscritta alla Lista del Patrimonio Mondiale Unesco dal 1997.



La Reggia di Venaria è una delle più interessanti residenze sabaude in Piemonte. E’ stata costruita nell’arco di venti anni, tra il 1658 ed il 1679 su richiesta del duca Carlo Emanuele II, che scelse Venaria, già teatro delle cacce ducali, per completare la Corona di Delizie.

La Corona delle delizie è un insieme di edifici concentrati intorno a Torino all’epoca capitale italiana: Villa della Regina e il Castello del Valentino, la Palazzina di Caccia di Stupinigi e la Reggia di Venaria.

Le residenze della Casa Reale di Savoia, situate a Torino e dintorni, rappresentano il panorama completo dell’architettura monumentale europea del XVII e XVIII secolo che rappresenta l’ideologia monarchica. L’ edificio con il suo affascinante percorso culturale in cui antico e contemporaneo si sposano armoniosamente è oggi sede di grandi mostre e concerti.

Il Salone di Diana progettato a metà del Seicento da Amedeo di Castellamonte, la Galleria Grande e la Cappella di Sant’Uberto, le Scuderie Juvarriane e le opere settecentesche di Filippo Juvarra sono autentici capolavori dell’ epoca barocca.

La Corte d’onore accoglie il pubblico. La vasta area compresa tra la Torre dell’Orologio e la Reggia di Diana era nel Seicento occupata da due cortili. Dal Settecento le antiche scuderie lasciarono spazio alla Galleria Grande e ai due padiglioni posti alle sue estremità, mentre furono smantellate la manica che separava le due corti e la stessa Fontana del Cervo creando una corte unica.

Il Teatro d’Acqua della Fontana del Cervo, con i suoi 100 ugelli d’acqua alti fino a 12 metri, proiettori colorati e condotti di vapore, costituisce una delle più scenografiche e suggestive fontane del mondo.

Il Giardino della Reggia di Venaria è composto da stili differenti armonicamente intrecciati.

Parco Basso

I resti archeologici delle strutture seicentesche, la Fontana d’Ercole, il Tempio di Diana scandiscono e delimitano l’allea d’Ercole, canale d’acqua che attraversa il Parco basso e che conduce al grande bacino della Peschiera. Il Potager Royal affianca l’allea per l’estensione di 10 ettari in cui frutteti si alternano a fioriture e ortaggi. Il Giardino delle Sculture Fluide di Giuseppe Penone completa il giardino del Parco basso mettendo in relazione il muro e le grotte seicentesche in chiave contemporanea.

Parco Alto

Nel Parco alto si trovano il giardino a Fiori, il Roseto con ampi cuscini di rose rifiorenti. Poi c’è il Gran Parterre spazio suggestivo del giardino settecentesco che mette in relazione le importanti architetture di Filippo Juvarra quali la Galleria Grande, la Citroniera e la Scuderia.

Il parco basso ed il parco alto sono visitabili anche attraverso un trenino che accompagna i visitatori lungo le incantevoli scenografie verdi del Giardino, ma si può anche navigare sulla peschiera con due gondole o fare una passeggiata sulla carrozza.

All’interno faceva da collegamento tra l’ appartamento del Re e quello del principe la Galleria Grande. Lunga circa 80 metri e larga 12, aveva un altezza di circa 15 metri. E’ un autentico capolavoro, illuminato da fasci di luce generati dalle 44 ampie finestrature e dai grandi 22 occhi, aperture ovali all’ interno e rettangolari all’esterno, posti sulla volta. Essi provocano un gioco di luci e penombre che esaltano i decori e le due esedre, suggestionando i visitatori. Il pavimento contribuisce al gioco delle luci ma non è quello originale. Di forma rettangolare, ricchissima di stucchi e rappresentazioni allegoriche tutte incentrate sulla caccia, la Sala di Diana è il fulcro della Reggia di Diana alla quale si accedeva dopo aver percorso il cortile d’accesso e quello d’onore veniva utilizzata per sontuosi banchetti e ricevimenti.

Altro capolavoro della Reggia di Venaria è la Cappella di Sant’ Uberto, protettore dei cacciatori. Ha una pianta a croce greca, con due grandi altari ai lati del transetto. Quattro cappelle circolari all’interno e poligonali all’esterno sono poste sulle diagonali. La luce entra dalle vetrate retrostanti, moltiplicando i toni ed i colori. Le statue poste nelle nicchie dei pilastri centrali rappresentano i Dottori della Chiesa: Sant’Agostino, Sant’Ambrogio, Sant’Atanasio e San Giovanni Crisostomo.

Una delle parti più imponenti dell’edificio è senz’altro la Scuderia Regia, che completa il percorso visita.
L’immensa navata interna detta Citroniera, offre un ambiente ricco di luce e decorazioni. Nelle pareti laterali sono scavate nicchie che danno dinamismo. Sono caratterizzate a sud dalla grande luminosità delle aperture ad arco sormontate da oculi. A nord dalla replica dei serramenti in trompe l’oeil sul muro di separazione dalla scuderia.

EVENTI IN PROGRAMMA

ERCOLE E IL SUO MITO
dal 23/09/17 al 07/01/18
PETER LINDBERG
a different vision on fashion photography
dal 07/10/17 al 07/01/18

INFO E CONTATTI
Venaria Reale (TO), Piazza della Repubblica 4
ORARI qui

PRENOTAZIONI qui
Pagina fb di riferimento da cui sono tratte alcune delle immagini di questo articolo




Conosci il posto? Raccontaci la tua esperienza.