aielli

Aielli un borgo senza tempo

pubblicato in: Borghi antichi | 0

Il borgo di Aielli, piccolo gioiello medievale, ospita tre giorni d’estate un festival modernissimo di street art, performance musicali, danza, teatro e astronomia: BORGO UNIVERSO

Adagiato su uno sperone roccioso in provincia di L’Aquila, in Abruzzo, troviamo Aielli. E’ uno dei comuni più alti dell’Altopiano del Fucino, nella Marsica. La sua altitudine varia dai 650 metri s.l.m. della piana fucense ai 1818 del Monte Etra, è delimitato sia a est che a ovest, da due torrenti che convergono entrambi nell’ex alveo del lago di Fucino.

Non potete immaginare senza vederlo dal vivo come il passato si leghi così armoniosamente con il moderno e come la cultura aleggi in ogni via del borgo.

Aielli si sta trasformando poco a poco in un museo a cielo aperto, un luogo senza tempo.

La sua Torre medievale risalente al 1300, ospita il Museo del Cielo e l’osservatorio astronomico che durante i giorni della kermesse sono aperti giorno e notte a chi vuole scrutare il cielo.

Francesca Letta che mi ha raccontato di questo angolo di Abruzzo, mi ha detto che Borgo Universo, è organizzato da ragazzi, nati e cresciuti nel borgo, i quali credono fermamente che quando in piccole o grandi comunità tutti lavorano per il bene comune, tutto prende un altro colore, anzi colori diversi e vivaci.

Per valorizzare i panorami e la cultura del piccolo borgo medievale nelle prime due edizioni sono stati realizzati murales sia nel centro cittadino che al di fuori, al fine di offrire una prospettiva nuova sul rapporto tra la terra, il cielo e l’uomo. Nella terza edizione l’intenzione è quella di contribuire, attraverso ulteriori murales, alla realizzazione del percorso che guiderà chiunque tra le stradine caratteristiche del paese, fino alla Torre delle Stelle, Osservatorio Astronomico.

Lo scorso anno invece in onore di Ignazio Silone è stato realizzato un murales mettendo nero su bianco, parola dopo parola, l’intero romanzo dello scrittore della vicina Pescina: Fontamara. Aielli è stata la location del film dedicato al romanzo con Michele Placido. Il lavoro scrupoloso, iniziato e terminato la scorsa estate è stato realizzato ai piedi della Torre delle Stelle nella parte più alta del borgo da dove si può ammirare la “Valle del Fucino”.

Nei dintorni il Parco Regionale del Velino-Sirente offre una cornice verde incantevole. Le Gole di Aielli-Celano sono in assoluto il canyon più bello dell’Appennino centrale, corrono attraverso un percorso semplice da percorrere fino alla cascata detta Fonte degli innamorati.
Sono una meta per gli appassionati di trekking, sia per il paesaggio suggestivo che per la possibilità di avvistare molte specie animali e vegetali. Lo spettacolare canyon si estende dalla Valle d’Arano di Ovindoli fino a Celano, tra i rilievi della Serra dei Curti, la Serra di Celano, il Monte Etra e il Monte Savina.

Dall’ 1 al 4 agosto Aielli vi aspetta, il borgo ospiterà le installazioni di tanti artisti, insieme a concerti live, artisti di strada, tanti eventi di street food con piatti tipici abruzzesi.

Nell’ultima domenica di agosto nei Prati Santa Maria, si tiene la Festa della Croce con un’escursione sulla sommità del Monte Etra dove spicca una croce in ferro dal 1988.

INFO su BORGO UNIVERSO
Parco Regionale Velino-Sirente
Osservatorio astronomico Torre delle Stelle


Conosci il posto? Raccontaci la tua esperienza.