Lago e Castello di Toblino – Riserva naturale protetta – Trentino

pubblicato in: Castelli | 0

Nella Valle dei laghi in Trentino il Castello di Toblino si specchia nell’incantevole lago alpino.

 




 

Il Lago di Toblino si trova in Trentino poco distante da Trento nei territori di Padergnone, Vezzano e Calavino.

Dal 1992 il biotopo del lago e dell’area circostante è tutelato per la presenza di specie faunistiche e vegetali tipiche degli ambienti mediterranei.

Il clima mite favorisce la presenza di boschi di Leccio e piante tipo rosmarino, corbezzolo, limone e olivo. Oltre alla varia fauna ittica nell’isolotto di fronte al castello nidificano e si riproducono: germano reale, airone cinerino e svasso maggiore.

Sulla riva nord del Lago di Toblino nel territorio di Sarche, troviamo il più celebre Castello del Trentino. Anticamente era proprio su un’isola che una volta abbassatosi il livello dell’acqua si è congiunta alla riva.

Il Castello di Toblino oggi è un ristorante, risale all’anno mille e nel Rinascimento è diventato una magnifica Rocca grazie a Bernardo Clesio prima e ai Madruzzo e ai Wolkenstein dopo.

Il complesso è di forma quadrangolare con un mastio circolare imponente. Una maestosa cinta merlata circonda il parco circostante e la residenza e si riflette nel lago creando un atmosfera incantevole.

Questo ambiente suggestivo ha ispirato numerose leggende, si racconta che quando era ancora un isola, era abitato dalle fate, e la curiosità è una lapide a loro dedicata ancora visibile sulle mura del castello nel punto in cui sorgeva il Tempietto delle Fate. In realta le fate erano le divinità che prevedevano il destino detti Fati. Questa aurea magica si perse quando il castello diventò una roccaforte militare.

Un’altra leggenda vede il castello, detto anche degli innamorati, protagonista di una storia d’amore peccaminosa tra il vescovo Madruzzo e la figlia di Lodovico Particella. Il vescovo avrebbe voluto sposare l’amata, tanto che arrivò a chiedere la dispensa papale ma una notte la bella Claudia rimase vittima di un incidente mentre attraversava il lago su una barca. Da allora nelle notti di luna piena sembra di sentire gli spiriti dei due innamorati.

Il percorso della riserva naturale cinge il lago lasciando spazio a bellissimi scorci su Castel Toblino. Le tavole informative raccontano la flora e fauna che popola il lago. Si può intraprendere la passeggiata che porta alla scoperta dei borghi e dei monti intorno. Salendo verso il borgo di Sarche si prende un sentiero che attraversa i boschi e porta alla chiesetta di Corgnon. Molto interessante anche il borgo di Castel Madruzzo con i suoi palazzi antichi.

La Forra dei Canevai è molto suggestiva con il ruscello, le cascate e il lago di Santa Massenza gemello del Lago di Toblino. La meta si presta ad ogni tipo di sport: è il paradiso del trekking. Le piste ciclabili per le monutain bike attraversano anche i monti.

Per chi ama gli sport estremi la scuola di parapedio e le pareti delle falesie e le vie ferrate per il free climbing sono un’attrazione unica.

Per l’enogastronomia sono tanti i prodotti tipici trentini presidiati da Slow Food: il miele monofloreale, l’olio extravergine del Lago di Garda e del Lago di S.Massenza, la pasta Fassana, i formaggi dei Caseifici trentini e i salumi scelti.

Molto nota la Grappa della Valle dei Laghi prodotta da Cantina Toblino e i vini eccellenti come il moscato giallo, Sauvignon, Chardonnay, Nosiola, eLimarò, Rebo.

Eventi e Tradizioni

DiVinNosiola ECORUNNING Vezzano – Vallelaghi aprile
CONCILIO DEI SAPORI – aprile
FESTA DI PRIMAVERA – maggio
TOURLAGHI | 14^ EDIZIONE corsa a staffetta giugno
CALAVINTAGE Calavino – Madruzzo luglio
MONTE GAZZA WILD RUNNING -agosto

 




 

Conosci il posto? Raccontaci la tua esperienza.