Scicli

Scicli patrimonio dell’umanità UNESCO

pubblicato in: Città | 0

Scicli è una piccola città monumento, Patrimonio dell’ Umanità dal 2002.

 




Si estende dal mare al tavolato ibleo, a 24 km circa da Ragusa. E’ ricca di grotte carsiche e il territorio è molto caratteristico, si passa dalla spiaggia, alla macchia mediterranea, ai rilievi calcarei. Nascosta all’interno di una vallata guarda il mare con i suoi vicoli stretti, le viste spettacolari, le salite ripide in cui ci si perde rapiti dai secoli, dal passato che ancora vive.

Scicli

Tante sono le piazze di pregio e l’intera via Francesco Mormino Penna è stata nominata Patrimonio UNESCO.

Scicli

Il litorale è il piu esteso della zona di Ragusa va da Pozzallo a Marina di Ragusa.
Donnalucata è la più antica delle frazioni marinare e porto di Scicli, sede dell’aristocrazia tanto che è cosparsa di ville ed edifici eleganti.

Scicli

Le diverse culture hanno lasciato l’impronta nel dialetto, nella cultura, nella gastronomia e persino nella fisionomia della popolazione.
Pierpaolo Pasolini,Vinicio Capossela, Elio Vittorini se ne sono innamorati facendone crescere il prestigio. Scicli è stata il set del Commissario Montalbano di Andrea Camilleri .

“A Scicli,
lontana luminosa penombra
nel senso dell’antico che non muore
ed è noi e la nostra italiana unità:
la colpa dalla storia greca che ci ha fatto
più grandi degli altri,
di tutti
e la misura del passo delle nostre donne
che battono in leggerezza qualsiasi cosa si muova nel mondo”. Roberto Vecchioni

Tra i posti di maggior interesse troviamo:
Palazzo Beneventano che si trova sotto Colle San Matteo tra l’antica cittadella fortificata e la moderna città settecentesca tra i due canyon di Santa Maria La Nova e di San Bartolomeo detti le “cave”. I prospetti monumentali sono decorati con grandi maschere e in alto svetta lo stemma dei Beneventano, coronato, adornato da due teste di Mori che è diventato uno dei simboli della città.

Scicli

Palazzo Fava con le bellissime decorazioni tardobarocche del portale d’onore e i balconi su piazza Italia, il più bello, il balcone ornato da mostri e grifoni che affaccia su via San Bartolomeo.

Scicli

In Palazzo Spadaro si evidenzia il passaggio di stile dal Barocco al Rococò la facciata segue l’andamento curvo della via medievale in cui si trova. Il Palazzo del Municipio costruito nel primo novecento ricorda Palazzo Rucellai con lo stile neorinascimentale.

Scicli

La Chiesa di San Matteo è simbolo di Scicli, posta sul colle di San Matteo.

Di origini bizantine e tradizione sud-orientale è la Chiesa di Santa Maria La Nova. Le facciate hanno un notevole sviluppo verticale infatti fungevano da campanili. Qui furono scoperti i famosi Codici Sciclitani.
Notevoli sono anche il Convento dei Cappuccini e il Complesso della Croce con la facciata impreziosita da un portale con archivolto gotico-catalano e dal rosone.

Molto importante è anche l’architettura militare di Scicli, il Castellaccio è un torrione che faceva parte di un complesso fortificato.
Posto sul fronte orientale della città c’è il Castello dei Tre Cantoni, un bastione quadrilatero, con torri agli angoli ed all’interno ancora visibili le fondazioni di una torre triangolare da cui prende il nome.

Tra i maggiori siti archeologici troviamo Grotta Maggiore datato fra l’Età del Rame e l’Età del Bronzo antico; Cancellieri sito del periodo greco classico; Chiafura.

La cucina di Scicli si avvale della sapiente combinazione dei prodotti agricoli e marinari. Tra i piatti tipici troviamo la Scaccia, il Cucciddatu Scaniatu, una ciambella con farina pepe e salsiccia, Pastizzu e ‘npanata una sfoglia di grano duro ripiena di carne o pesce, il Caturro, la ‘Nfigghiulata.

scacce

DISCLAIMER Contenuti & Immagini 




 

Conosci il posto?