Fiordo di Furore – Parco regionale dei Monti Lattari- Costiera amalfitana

Fiordo di Furore – Parco regionale dei Monti Lattari- Costiera amalfitana

pubblicato in: Borghi antichi | 2




Fiordo di Furore - E' incastonato nella splendida Costiera Amalfitana, Patrimonio dell'Umanità UNESCO.

 

 

Il Fiordo di Furore è uno dei Borghi più Belli d'Italia, situato in una profonda fenditura nella roccia originata dal torrente Schiato.

E' incantevole. Le pareti molto ripide, dalla costa si incuneano all'interno creando un mix tra paesaggio quasi dolomitico e le cristalline acque del mar Tirreno.

Vi si accede dalla strada statale attraverso 700 gradini che portano fino alla spiaggia o direttamente dal mare.

 

 

 

 

Questo paradiso nasconde il borgo marinaro con le case scavate direttamente nella roccia, aggrappate alla scogliera tra la vegetazione ed il rumore delle onde.

Tutto il borgo marinaro con i suoi vicoli ed i suoi sentieri scende a picco sul mare che fa venire voglia di tuffarsi.

La Passeggiata dell'amore è amatissima dagli amanti del trekking e insieme al Sentiero degli Dei di Positano è uno dei posti più romantici. 

Qui ogni sorriso si scioglie, ogni sguardo innamorato luccica perche e’ di fronte ad una verità molto più grande delle parole che la propria bocca possa esprimere. La promessa si conferma senza frase alcuna e basta uno sguardo per capire di essere sulla strada giusta, entrambi sulla Passeggiata dell’Amore.

 

 

 

All’interno del Fiordo di Furore c'è una chiesetta e due edifici che venivano utilizzati per alcune produzioni locali, lo Stendoio e la Calara.

L'Ecomuseo invece è nato per valorizzare e recuperare le cartiere e i mulini che sfruttavano la forza del corso d’acqua dello Schiato nel vallone.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Furore fa parte degli 80 comuni definiti Paesi Dipinti, grazie alle innumerevoli opere d'arte che raccoglie.

Il Fiordo di Furore si trova in provinia di Salerno, vicino a Positano, Amalfi, Ravello, Praiano,Conca dei Marini. 

 

 

 

 

 

 

 

Fa parte del Parco Regionale dei Monti Lattari.

La vegetazione è tipica delle alte quote, erica, mirto, corbezzolo. Grazie all'umidità sulle pareti cresce l'Erba Unta Amalfitana che intrappola gli insetti.

 

Grazie alle grotte ed alle cavità sotterranee ci sono molte specie faunistiche, volpi, faine, pipistrelli. Tanti rettili, uccelli e rapaci come barbagianni, civetta e falco pellegrino.

 

 

 

 

 

 

 

 

Il Fiordo di Furore è noto perchè luogo dell'amore tra Roberto Rossellini ed Anna Magnani e set di alcuni film di successo di Fellini.

 

 

 

Proprio all'ingresso via mare, l'immenso ponte ad arcata della statale amalfitana fa quasi da portone d'ingresso.

D'estate diventa la location al Campionato di Tuffi dalle Grandi Altezze, facendo da trampolino.

L'enogastronomia è tipica della costiera amalfitana, la base sono il pesce ed i prodotti del territorio. Nel ristorante incastonato nella stessa roccia della chiesetta, sono da assaggiare i Tubettoni con totani, le Alici fritte farcite ed il pesce freschissimo tra cui una rarità del posto, il pesce castagna dalla carne bianca e saporita.

 

Eventi & Tradizioni del Fiordo di Furore

Coppa del Mediterraneo - Luglio
Campionato Tuffi Grandi Altezze
In collaborazione con l’associazione Marmeeting

Festa, Farina e …… Folk! - Agosto
S. Caterina d’Alessandria nel culto dei mugnai del Fiordo

Muri in cera d’Autore - Settembre
Kermesse di pittura murale e scultura “En Plein Air”

Furore Inn Resort - Ottobre
Premio Furore di Giornalismo

Eventi musicali e cine-teatrali al Fiordo - Luglio agosto e settembre
Iniziative a carattere culturale
A cura di Mò Film Onlus – C.E.A. Legambiente

DISCLAIMER Contenuti & Immagini

 




2 Risposte

  1. Cara amata Furore, anni a dietro in quelle ripide curve a salire che guardano verso il sole e di notte quando il celo è stellato verso il mare, ho lasciato parte dei miei sentimenti nel creare opere in pittoiscultura, (un saluto a tutti quelli che conosco e non).

    • ItalyTravelWeb

      Grazie per la tua testimonianza Silvano, Furore è un posto che non si dimentica. Ci piacerebbe inserire nell’articolo le immagini delle tue pittosculture, se ti va puoi inviarle all’indirizzo: staff@italytravelweb.it

Lascia una risposta