Elice – Notte nell’Ilex

Elice – Notte nell’Ilex

pubblicato in: Eventi e tradizioni | 0




Elice - Notte nell'Ilex - E' un piccolo borgo che sorge sulla sommità di una collina che domina la Valle del Fino in provincia di Pescara.

 

Elice è facilmente raggiungibile sia dal versante pescarese attraverso Città Sant'Angelo, Collecorvino, Picciano, Penne, sia dal versante teramano da Castilenti e Atri.

 

Il piccolo borgo ha avuto un importante sviluppo culturale nel medioevo, ne sono testimonianza al centro del nucleo abitato, il Castello Baroni e la Chiesa di San Martino, collegati con un passaggio voltato.

 

 

 

 

 

 

Nelle notti di agosto, nel borgo di Elice detta anche Ilex, l'atmosfera si profuma di altri tempi.

L'Associazione Culturale Elicethnos organizza La notte dell'Ilex, una delle rievocazioni storiche medievali più spettacolari e scenografiche d'Italia.

La ricerca storica è stata accuratissima e grazie a 400 figuranti ed alla partecipazione attiva della cittadinanza, Elice piomba indietro nel tempo al periodo della costruzione del castello che fa da cornice ai festeggiamenti. Il visitatore può persino noleggiare un costume ed unirsi attivamente al corteo d'apertura. Gli attori mettono in scena spettacoli improvvisi tanto che a volte non si riesce a distinguere se una cosa accade davvero o è fantasia.

 

 

 

Inizia così un meraviglioso viaggio in un epoca superata, con i suoi stili di vita, le tecniche costruttive e le botteghe artigiane.

In queste davvero si produce come un tempo usando gli utensili antichi con i loro nomi originali e mantenendo l'organizzazione di un tempo.

Il falegname accoglie i visitatori ironicamente, esalta la sua importanza perchè favorito da clero e borghesia, frusta il suo garzone e lo offende verbalmente.

I visitatori stupiti ma divertiti partecipano con interesse.

 

 

 

 

 

 

C'è da sapere che l'accesso al borgo in quei giorni è a pagamento.

Sul sito ufficiale trovate la prevendita.

Entrando si cambia la moneta con quella corrente del posto, l'Ilex che verrà utilizzata in ogni punto del borgo eccetto nel bar della piazza.

Gli spettacoli sono intensi, alcuni divertenti altri cruenti, per questo si è fatta distinzione tra gli spettacoli per bambini, quelli in cui devono essere accompagnati da adulti e quelli vietati ai minori.

 

"Quando i rai del gran sole d'agosto si faran fiochi ad Elice della sera, udrete per le vie del borgo nostro una cadenza in rima, e l'atmosfera si cangerà d'incanto, e cosi tosto il sogno si farà realtà più vera. La notte intiera in tutto lo paese andran i versi del Giullar Cortese"

 

LE RAPPRESENTAZIONI

 

 

 

IMBOSCATA ALLE MURA DEL BORGO

Coperta dalle tenebre, spinta da rancori che si tramandano da generazioni, una milizia di saraceni tenta l’assalto alle mura dell’Ilex.

Fuoco disperazione e combattimenti all'ultimo sangue per la conquista di un piccolo lembo di terra.

 

 

 

 

 

 

 

BATTESIMO DEI MORTI VIVENTI
Anticamente si diagnosticava la lebbra tenendo inserito un ago sottocute al paziente che se non sentiva dolore era malato.

Lo accompagnavano al cimitero e lì iniziava un rituale.

Tre palate di terra sul capo e si dichiarava ufficialmente a tutti la malattia attestando che quella persona aveva l'anima viva in un corpo morente.

Munito di campanaccio in modo che tutti lo riconoscessero era l'unico che poteva cercare l'elemosina.

 

 

 

 

 

LUPERCOLA
Si rappresenta la leggenda della figlia del Dio Luperco, che si innamorò di un umano.

Il padre la obbligò però con la forza a tornare ad essere dominatrice e protettrice della natura selvaggia.

L'anima della protagonista cerca di evitare il ripetersi dei suoi errori.

 

 

 

 

 

 

 

APPESI PER IL COLLO
Secondo quanto era scritto nel libro nero i due presunti colpevoli dovevano essere entrambi impiccati e solo dopo la loro morte si sarebbe chiarito chi dei due dovesse avere un funerale cristiano perchè innocente.

Lo spettacolo è cruento.

Ha un impatto emotivo negli spettatori davvero notevole, con la partecipazione alla sofferenza delle due madri che chiedono di graziare il proprio figlio.

 

 

 

 

 

COMPAGNIA DEL LUPO ERRANTE
Venuti dalle confinanti terre del mare della Civita di Montesilvano hanno attraversato le colline per raggiungere lo borgo dell'Ilex.

Maestri nell'uso delle armi, tintori, cerusici et mestieranti vengono a mostrar a lo popolo tutto le loro arti di guerra e di pace.

Li dove prima regnava l'effige dello Bello e dello Domique ora ululano i Lupi.

 

 

 

 

 

 

COLLO DI LUNA
Collo di Luna è l’antico nome del posto dove una volta sorgeva il borgo.

Era una contrada posta nel promontorio adiacente ad Elice che attualmente si chiama Colle dell’Odio.

I trampolieri dell'Ilex ci raccontano una storia appesa tra mito e realtà dove il fascino del teatro si mescola ad una trama con risvolti inaspettati.

 

 

 

 

 

 

 

BOTTEGHE E MESTIERI

 

LOGGIA DELL'ASTRONOMO
Una retrospettiva su tutto il pensiero astronomico medievale.

Per migliaia di anni l’Almagesto è stato unico punto di riferimento ai tempi delle antiche teorie tolemaiche che volevano la terra al centro dell’universo.

Antichi strumenti di misurazione astronomici sono stati ricostruiti alla perfezione: Quadrante astronomico, Notturnale, Torquetum ed Astrolabio.

 

 

 

 

 

 

 

CANDELAIO
L'antico significato della frase "rimanere al verde", da cosa nasce "il cerotto", gli antichi metodi di misurazione del tempo.

La storia delle candele da come venivano realizzate fino al legame con al chiesa che ne ha evidenziato il valore spirituale.

Un forte odore di cera d'api vi accoglierà nella splendida ambientazione del candelaio tra le uniche luci che risplendevano nell'era del buio.

 

 

 

 

 

 

 

TABERNA DELLE LUPANARE
Il postribolo dei vizi ove tutto vi sarà concesso.

Fiumi di idromele, ambrosia ed ippocrasso inonderanno le nottate di festa.

Le splendide meretrici vi accompagneranno tra caldi giacigli facendovi sprofondare nell'abisso della lussuria.

Ritrovo di musicanti, menestrelli e giullari pronti ad animare ad ogni ora i brindisi di tutti i viandanti che ci faranno visita.

 

 

 

 

 

 

 

SALA DELLE TORTURE
Dalle segrete più maleodoranti ed oscure del borgo dell'Ilex provengono urla di dolore ed invocazioni di pietà.

Tutta l'ipocrisia di un tempo rievocata in un'ambientazione unica, tra le più suggestive della nostra festa.

Venite a scoprire gli antichi strumenti di tortura messi in opera da boia senza morale.

 

 

 

 

 

 

MONASTERO
Il luogo per eccellenza dove veniva tramandata la cultura.

I pazienti amanuensi copiavano interi manoscritti per dare modo all'uomo di non perdere memoria di se.

Il passare del tempo era scandito dai canti gregoriani di un gruppo di monaci. I codici segreti venivan scritti con succo di limone per essere nascosti ad occhi indiscreti e poi rivelati con il calore di una fiamma.

 

 

 

 

 

Saranno rappresentati inoltre una serie di spettacoli quali: strega al rogo, inquisizione con pena capitale, taglio della mano, duelli di spada, matrimonio medievale, tiro con la balestra, passeggiate con i pony e gli asinelli e una giostra medioevale a cavallo.

Tra i figuranti vestiti e truccati abilmente, mercanti, lebbrosi, cavalieri, dame, antichi artigiani, mosaicista, pittrice, casaro, fabbro. Questo è un evento che va vissuto, rivolto al turista culturale, enogastronomico ed esperenziale.

 

All'esterno del Borgo i visitatori saranno accolti da un mercatino di prodotti tipici del posto e dalle sagre. Cibo principe è la Mugnaia di Elice.  E' un tipo di pasta davvero caratteristico composto da un unico filo assolutamente da assaggiare. Altra pasta tipica è quella alla pecorara, anelli di pasta condita con sughi saporiti della tradizione abruzzese. Padroni della tavola sono gli Arrosticini, il Formaggio fritto e per finire la squisita Pizza Doce abruzzese.

Le immagini e le info sono tratte dalla pagina fb: La Notte nell'Ilex

INFO

Sito ufficiale 




Lascia una risposta